L'ANCORA settimanale di informazione [VAI ALLA PRIMA PAGINA]

 

Contro i grattacieli ci vuole un referendum

 

Acqui Terme. Ci scrivono Adriano Icardi e Piera Mastromarino del Partito dei Comunisti Italiani:
«Abbiamo visto come il nuovo city manager di Acqui Terme, Bernardino Bosio, si sia nuovamente espresso in modo favorevole circa la realizzazione di due grattacieli nella nostra città, nonostante anche la Regione Piemonte, vedendo gran parte dei cittadini assolutamente contrari, abbia fatto qualche passo indietro, credendo più giusto partire dal recupero delle strutture già esistenti. Noi, a differenza di chi ora lo fa solamente per opportunità politica e di consenso, abbiamo sempre sostenuto che, per il rilancio del termalismo acquese, oltre alla creazione di un piano industriale competitivo, che favorisca in parallelo un alternativo sviluppo economico, sia fondamentale il recupero degli edifici storici quali l’ex Politeama Garibaldi, il Complesso Carlo Alberto, con le Terme Militari e le Antiche Terme e gli alberghi già esistenti.
Questo dovrebbe essere il progetto intorno a cui sarebbe necessario che lavorassero le società e gli incaricati istituiti ad hoc, altrimenti il tutto risulterebbe gravare solamente sulla città, senza favorirne una reale crescita.
Credendo che non siano sicuramente compatibili con il nostro contesto cittadino, sia storico sia urbanistico, progetti stratosferici e grattacieli, ci dichiariamo, dunque, favorevoli ad un referendum, che coinvolga tutta la cittadinanza su un tema di interesse comune, poiché riteniamo che sia la politica rispettosa della democrazia e dell’opinione pubblica a dover riemergere contro l’uso spregiudicato e personalistico del potere e l’occupazione di esso senza la priorità fondamentale, che dovrebbe essere unico obiettivo, dell’interesse della popolazione e della crescita della città».

Bosio e i grattacieli

Bernardino Bosio non ci sta all’ipotesi di non fare i grattacieli. Mentre tutti conoscono il progetto Tange per i Bagni, ha invitato a visitare il sito internet nel quale c’è il disegno del progetto per la torre di piazza Maggiorino Ferraris: la pagina è http://www.sts.it/inge_aqui.htm.

 

Scrivi alla redazione

L'ANCORA settimanale di informazione [VAI ALLA PRIMA PAGINA]