L'ANCORA settimanale di informazione [VAI ALLA PRIMA PAGINA]

 

Ad Ovada manca il ricambio
della popolazione attiva

 
Ovada. C'è un indicatore (IV) che stima il grado di invecchiamento di una popolazione.
Nel caso di Ovada e della zona, segnala un invecchiamento notevole della popolazione. E siamo su valori decisamente alti: l'indice segna infatti un 285 quando il normale non dovrebbe invece essere molto al di sopra di 100. Un bella differenza e il dato si commenta da solo. Basti pensare che nel resto del territorio della Asl 22 l'indice è comunque al di sotto di quello ovadese e segna un 268. Ancora più basso è quello relativo alla provincia di Alessandria.
Lì abbiamo un 244. Indice che scende vertiginosamente in regione: a livello piemontese infatti si assesta a 181. Se il Piemonte quindi dimostra di essere comunque una regione longeva, la zona di Ovada in questo senso batte tutti. E registra un invecchiamento della popolazione veramente notevole e su valori ben al di spora del normale, tanto da porsi come riferimento anche sul piano nazionale.
L'età media della popolazione di Ovada e zona risulta essere di 48 anni. Valore questo assai alto, che indica una forte presenza di popolazione anziana ed una bassa presenza invece di popolazione giovane.
L'indice più preoccupante è forse quello relativo al ricambio della popolazione attiva. Pur essendo migliorato, grazie all'inserimento di persone straniere, comunitarie (come albanesi e rumeni) ed extracomunitarie (come marocchini ed ecuadoregne), presenta in ogni caso un valore elevatissimo e quindi negativo. Per esempio, molto debole ed al di sotto di qualunque media, è il dato riferito ai minorenni, che non arriva al 12% della popolazione di Ovada e zona. E l'incremento, considerevole in questi anni, di popolazione straniera, inciderà sempre di più sulle politiche del territorio.
Sia perché, con questo aumento così vistoso, si inserisce nel tessuto sociale un'altra risorsa umana ed economica e sia in quanto sorgono bisogni ed esigenze diverse da quelle considerate in passato. (E. S.)

I dati ad Ovada e nei paesi della zona

Gli ultrasessantacinquenni quasi uno su tre della gente

Ovada. Facciamo riferimento alla popolazione complessiva di Ovada e paesi della zona, che ammonta a 27.544 unità circa (dato riferito all'ultimo aggiornamento del 2005).
E dove le femmine sono in maggioranza rispetto ai maschi: 14.088 contro 13.456. E dove i nuclei familiari sono 13.052, vale a dire una media di due persone a famiglia.
La popolazione in età minore (da 0 a 17 anni) è di 3.292 e quella più piccola (da 0 a 6 anni) è appena di 1.254 unità. Un po' più alto il numero dei ragazzi da 7 a 14 anni (1.441) e di quelli da 15 a 17. Ma la "fetta" grossa arriva da 18 a 64 anni. Sono ben 16.565, ben più del 50%.
La popolazione in età senile (da 65 a 74 anni) batte da sola, e di gran lunga, quella sino a 14 anni: 3.747 contro 2.695. Come dire, ci sono ad Ovada e in zona molti più anziani che ragazzi. Gli ultrasettantacinquenni poi sono addirittura maggiori della fascia precedente ed ammontano a 3.940, pari al 14,30% di tutta la popolazione. Ovada zona longeva... ma di pochi bambini.
Se poi si considera globalmente il dato degli ultrasessantacinquenni in zona, si arriva a quasi il 28%. Come dire, quasi una persona su tre, ad Ovada e nei paesi, ha più di 65 anni.
Invece in provincia la percentuale si ferma a 26 ed in regione è ancora più bassa, il 22,60.

 

Scrivi alla redazione

L'ANCORA settimanale di informazione [VAI ALLA PRIMA PAGINA]