L'ANCORA settimanale di informazione [VAI ALLA PRIMA PAGINA] - [MONOGRAFIE]

 

Yo Yo Mundi il successo dell'impegno

  Rivalta Bormida. Ha conseguito un notevole successo, a Rivalta, la presentazione del DVD Resistenza, ultima fatica discografica degli Yo Yo Mundi.

Gli Yo Yo Mundi in riva al fiume

Continuando le iniziative collegate al 60º anniversario della Liberazione, martedì 15 novembre il gruppo rock acquese, rappresentato per l'occasione da Paolo Archetti Maestri, non ha mancato l'appuntamento con la Cooperativa Rinascita Rivaltese. Sessanta le persone nella piccola sala, nel paese tanto caro a Norberto Bobbio (che qui riposa), ma doppio il "giro" di gente, tra cui partigiani, alpini, spettatori di tutte le età, giovani. Sullo schermo televisivo le immagini del DVD Resistenza, album live e video, di cui sono stati proiettati sia alcuni brani salienti tratti dallo spettacolo La Banda Tom e altre storie partigiane, sia alcune testimonianze "resistenti" che impreziosiscono questo lavoro sulla memoria.
"Una serata molto piacevole, in cui ho potuto raccontare il lavoro, la sua genesi, ma anche confrontarmi con il pubblico, interessato e partecipe" - riferisce Paolo Archetti, che siamo andati a trovare una settimana dopo in Casa Bollente.
Lo confessiamo: impossibilitati a presenziare all'appuntamento di Rivalta, siamo ricorsi alla fonte prima. Anche perché da tempo era viva le necessità di "aggiornare" le frenetiche attività della band. Tante le idee, nuovi i progetti, ma certo la poetica non è cambiata.
Paolo ribadisce, infatti, il bisogno di cantare la Resistenza "per il rispetto e la riconoscenza che dobbiamo a chi ha vissuto quegli anni di lotta e speranza. Per chi ha lottato per noi e - anche a costo della propria vita - ha contribuito a liberare l'Italia dal nazi-fascismo.
E poi - continua - perché noi siamo tra gli ultimi che potranno ascoltare dalla viva voce degli 'ultimi testimoni' queste storie. Dovremo trovare la forza per raccoglierle nel palmo della mano, impararle e farle nostre, perché a nostra volta noi saremo gli 'ultimi testimoni' di questi racconti.
In Italia oggi bisogna parlare e cantare di Resistenza sia perché la nostra storia umana e politica affonda le radici in quel periodo, sia perché il mondo della politica attacca pesantemente la Costituzione Repubblicana, meraviglioso frutto di fine guerra. È molto triste scoprire che qualcuno vorrebbe edulcorare la Lotta di Liberazione, e che molti altri vorrebbero riscriverla in modo strumentale, in questo momento politico italico così buio segnato dai tentativi di equiparazione - una cosa che troviamo inaudita, offensiva e inaccettabile - tra chi si è battuto per liberare l'Italia a chi invece scelse Salò. E di conseguenza la violenza fascista, i campi di concentramento nazisti, la dittatura".
La cosa bella è, però, che per voi paese o metropoli, è lo stesso…
"Abbiamo davvero mille impegni, ma non potevamo certo deludere gli amici di Rivalta: è infatti in pieno svolgimento la promozione di CD e DVD legati agli argomenti resistenziali e così, dopo le presentazioni di Roma, Firenze e Ferrara, questa settimana (dal 24 novembre, per intenderci) siamo attesi in rapida successione nelle librerie FNAC di Torino, Genova, Milano, e poi ancora di nuovo a Ferrara e Verona. Qui suoniamo con soli strumenti acustici, ma il 14 dicembre, al Museo Nazionale del Cinema di Torino riproporremo gli Yo Yo Mundi alla Guerra di Troia, la nostra sonorizzazione del primo lungometraggio italiano (1911) firmato da Giovanni Pastrone. Con noi saranno gli attori Franco Branciaroli e Federica Castellini e Mario Arcari ai fiati.
E il 17 dicembre c'è anche un concerto a Chiasso….

Yo Yo (per davvero) Mundi

Che non è la sola vostra esibizione all'estero...
"Verissimo. Dal 4 al 12 febbraio torneremo in Gran Bretagna: a Manchester, Glasgow, Edimburgo, e anche in quel tempio sacro che è il Barbican Centre di Londra, uno dei più grandi luoghi della cultura europea, che la Regina Elisabetta ha salutato come "nuova meraviglia del mondo" . E Sciopero/Strike, oltre Manica passa di frequente sulle radio, è possibile ascoltarlo anche via Internet.
E da ottobre Sciopero è distribuito negli USA… per gli Yo Yo un periodo d'oro…
In effetti è così. Resistenza si è rivelato un successo di vendite e, nelle tante repliche de La Banda Tom - tra le trenta e le quaranta - abbiamo sempre avuto un gran pubblico e ancor più eterogeneo del solito. In Italia Sciopero continua ad andare benissimo: è il terzo disco per vendite nella collana de "Il Manifesto". Non so dire cosa succederà per La guerra di Troia, ma a gennaio è prevista l'uscita di un altro mini cd con il video, dedicato a L'Ultimo Testimone.
In effetti siamo cercati di continuo: bella sensazione, ma certo è strano; per anni fai fatica ad ottenere visibilità, pur lavorando bene, e poi all'improvviso tutto cambia…

Suonare e sognare: è sempre questo il progetto Yo Yo Mundi. Con parole che - un po' come faceva la Sibilla, che scriveva sulle foglie: rieccoci nel Mito classico - si perdono nel vento.
Imperdibile, invece, sembra essere la sonorizzazione del kolossal omerico di inizio secolo che vede contrapposti troiani e achei, e mescola le immagini in bianco e nero con i testi di Euripide, Baricco e con le nuove musiche.
Chi "adotterà", allora, lo spettacolo nell'Acquese?

Giulio Sardi

Pubblicato su L'Ancora del 27 novembre 2005

 

Scrivi alla redazione di Acqui Terme

L'ANCORA settimanale di informazione [VAI ALLA PRIMA PAGINA] - [MONOGRAFIE]